Il Blog di Livia Turco

www.liviaturco.it



Spunti per una legge quadro sugli anziani non autosufficenti

14 Dicembre, 2021 (09:42) | Articoli pubblicati | Da: Redazione

Credo sia opportuno riassumere gli aspetti più salienti emersi nell’ambito dell’ultimo rapporto congiunto della Commissione Europea e del Consiglio UE sui temi della non autosufficienza . Il Rapporto ha evidenziato per tutti i paesi europei un quadro fatto di luci e di ombre .Tutti i sistemi analizzati presentano, infatti , criticità e soluzioni che, pur con tutte le differenze, ci fanno chiaramente comprendere la vastità e la portata che questo tema ha per il sistema sociale europeo nel suo complesso. Tutti i paesi europei fronteggiano una identica dinamica demografica che vede un aumento della popolazione anziana. Ad essa è connessa una crescente domanda di prestazioni e sostegni in considerazione della impossibilità di lasciare da sole le famiglie e le persone nel momento in cui esse sperimentano una condizione di maggiore fragilità. Pertanto in tutta Europa si è da tempo sviluppato un sistema vasto, differenziato e articolato fatto di iniziative e modelli di intervento che hanno come obiettivo quello di garantire cure e diritti esistenziali per le persone anziane. Questo processo integra e completa, ovunque in Europa ,sul piano della struttura degli interventi di presa in carico, il quadro degli interventi sulle disabilità. 

In questa ultima edizione del rapporto congiunto ,L’Italia, al pari di altri grandi paesi dell’Unione viene considerata un paese sicuramente progredito e strutturato sul versante delle cure sanitarie ma ancora afflitto da problemi di scarsa omogeneità sul versante della presenza dei servizi e degli interventi sociali nei vari territori della penisola ,con standard disomogenei ,anche in relazione al tema della residenzialità. Inoltre viene sottolineata la mancanza di una politica nazionale coerente e sostenibile a fronte di risposte non coordinate e accessibili a livello territoriale. Sul piano finanziario viene peraltro sottolineato l’onerosità crescente della” indennità di accompagnamento” e la sua caratteristica neutralità alle condizioni reddituali dei percettori, nonché la non integrazione di questa misura con il sistema degli interventi di assistenza sociale. Come per altri paesi viene infine considerata preoccupante la condizione del mercato del lavoro delle “badanti” caratterizzato da livelli elevatissimi di lavoro nero.

L’Italia e il paese dell’Unione Europea -27 con la più alta percentuale di persone di 65 anni e più e 75 anni tra la popolazione. Ma vivere più a lungo in Italia non significa necessariamente vivere con una salute migliore; l’aspettativa di vita sana a 65 anni è di 9,5 in Italia, al di sotto del livello medio Ue 27 che è pari a 9,9 anni e inferiore alla maggior parte degli stati dell’Unione Europea ,Ue 15. Questi dati dimostrano che il problema degli anziani fragili in Italia è più pronunciato che in molti paesi europei.

Il PNRR contiene l’impegno del governo al varo di una riforma complessiva degli interventi per gli anziani non autosufficienti e quello relativo all’adozione di una legge quadro sulle persone disabili , di competenza del relativo dicastero. Questo gruppo di lavoro ha accettato di contribuire a questo processo e ha già iniziato il suo lavoro con la scrittura dei primi livelli essenziali sociali per le persone anziane non autosufficienti da inserire nella prossima legge di bilancio. Proprio alla luce degli elementi di scenario che ho voluto richiamare all’inizio di questa riunione mi sento di affermare come si sia trattato di un lavoro importante e approfondito, orientato nella giusta direzione. Un lavoro che ora vogliamo completare dando il nostro contributo alla scrittura della legge di riforma agli anziani non autosufficienti.

Durante il Covid-19 le fasce di popolazione che hanno sofferto di più sono stati gli anziani e i bambini. Il COVID-19 ha messo in evidenza una questione di fondo: la concezione della vita, delle stagioni della vita, del ciclo di vita che si è affermato nella nostra società, del consumismo, dell’individualismo, scandito dal tempo della fretta e della velocità ; dove il lavoro, più che nel passato, per alcune fasce di popolazione è diventato “tiranno” rispetto agli altri tempi della vita. Solo la stagione centrale della vita, quella produttiva quella del lavoro, ha una sua considerazione e rilevanza sociale e culturale. Le altre sono considerate appendici, soprattutto per quanto riguarda gli anziani. Bisogna capovolgere questa impostazione. La vita delle persone è un ciclo di vita scandito da diverse stagioni, ciascuna con una sua peculiarità, che deve essere vissuta con pienezza e pari dignità. Dunque una legge sugli anziani non autosufficienti deve avere come fondamento il riconoscimento del valore della stagione della vita anziana. Penso dunque sia giusto

affrontare la elaborazione della legge quadro, sulla base di un presupposto di fondo: non stiamo affrontando un’emergenza e non vogliamo affrontare il nostro lavoro senza considerare come sia importante avere un approccio politico volto a rendere” normalmente” più civile, più attiva e socialmente riconosciuta una importantissima stagione della vita. Una stagione preziosa per gli individui che la attraversano e per le loro famiglie. Non fosse altro che per l’importanza degli effetti, delle memorie, delle esperienze e delle differenze: l’età anziana è la stagione dei tesori e della vita che diventa storia. Una storia da condividere, ancora da conoscere meglio ,e ,soprattutto da vivere insieme

Per fare bene il nostro lavoro abbiamo bisogno di tornare a condividere un’idea della vita umana più completa, più duttile e articolata: un’idea che riconosce e valorizza ciascuna stagione della vita. Un’idea, questo è il punto , che riconosca le differenze e le rispetta, che protegge il diritto di ciascuno ad una vita dignitosa, intesa nel senso che abbiamo imparato da Amartya Sen” capacità di essere ,di esprimersi e di fare “e che afferma l’essenzialità e la indissociabilità del diritto alla cura e alle relazioni umane.

La presa in carico degli , anziani il riconoscimento della loro dignità deve appartenere a quella svolta culturale che costruisca una rivoluzione antropologica capace di riconoscere la “fragilità” umana, le connessioni che ci legano gli uni agli altri, che legano une alle altre le persone e le stagioni della vita.

Fare una buona legge per gli anziani non autosufficienti significa contribuire a costruire questo” nuovo umanesimo” per fare in modo che le interconnessioni che esistono tra le persone siano tradotte in solidarietà e perché venga finalmente riconosciuto il valore della cura della vita e del lavoro di cura delle persone.

Conosciamo i numeri e le tendenze e condividiamo l’urgenza di migliorare integrare il nostro sistema socio sanitario e socioassistenziale. Ma per fare bene il nostro lavoro dobbiamo partire dal fatto che la stagione anziana non può ridursi ad una categoria di problemi o di afflizioni: sarebbe un errore gravissimo sul piano culturale, sociale politico, ed economico.

Le persone anziane sono cerniere fondamentali della nostra cultura e della organizzazione sociale dei nostri territori .Una legge che si occupa di loro deve riconoscere e valorizzare le migliori esperienze” dell’attivismo solidale” delle persone anziane e di quello intergenerazionale. Intendo dire che queste esperienze dovranno poter essere considerate patrimonio collettivo di un territorio riconoscendo loro una speciale capacita di svolgimento e gestione di funzioni essenziali per la coesione e l’integrazione della vita delle persone.

Questo significa che la riforma del non della non autosufficienza si fonda su un principio secondo il quale quella anziana è una stagione” attiva” socialmente, economicamente e culturalmente. Sappiamo poi benissimo che molte persone nel corso di questa stagione si ammalano e che spesso diventano dipendenti dall’assistenza e dall’aiuto degli altri. È sempre stato così fin dagli albori della storia umana e anche se la ricerca medica è in grado di sorprenderci sempre con i suoi progressi i suoi risultati dobbiamo accettare la realtà e fronteggiarla al meglio delle nostre capacità. Ed è proprio nel momento in cui la persona anziana tra le sue condizioni fisiche e mentali diviene persona disabile che appare della massima importanza poter disporre di un unico sistema integrato che sia capace di garantire a tutte le persone non autosufficienti disabili e anziane disabili, le più accessibili e idonei forme per la valutazione e la presa in carico con una innovativa capacità di valorizzazione del contesto di vita domiciliare e la promozione degli interventi necessari a scongiurare la rischio di isolamento e confinamento ,nel rispetto delle differenze che ciascuna situazione presenta. La conoscenza enormemente accresciuta delle patologie connessa all’età anziana ci permette del resto di selezionare meglio le tipologie di intervento che dovranno essere previsti.

Una particolare attenzione dovrà essere riservata ai temi della residenzialità degli anziani e ai profili qualitativi specifici che dovranno caratterizzare l’offerta di servizi capace di offrire una varietà di soluzioni socialmente innovative in relazione ai diversi gradi e livelli di autonomia della persona. Da questo punto di

vista un sistema pensato per affrontare in modo innovativo il tema dell’invecchiamento della popolazione da un lato contribuirà al potenziamento del sistema degli interventi per le disabilità e dall’altro si potrà avvalere di tutte quelle buone prassi e di quelle competenze che il mondo della disabilità ha sviluppato nel corso degli anni proprio nello sviluppo di interventi domiciliari e nel coinvolgimento attivo di quella rete associativa e di prossimità indispensabile al sostegno attivo delle persone e delle famiglie. Il tema della residenzialità deve collocarsi comunque all’interno di un progetto di rigenerazione urbana, di rigenerazione del contesto sociale, di rigenerazione delle relazioni umane, di costruzione della comunità e della prossimità. Crediamo infatti in un concetto di sostenibilità ampio e inclusivo e riteniamo che la cura dei problemi che spesso affliggono la vita degli anziani e delle loro famiglie includa tutte quelle misure che contrastano l’esclusione sociale e promuovono le pari opportunità, presupponga la conoscenza e la pratica di stili di vita corretti, veda la presenza diffusa ed omogenea di servizi medici che promuovono attivamente la prevenzione delle malattie, comprenda servizi sociali e culturali adeguati e la possibilità di disporre di contesti abitativi intelligenti, dignitosi, rispettosi delle esigenze della persona e delle loro diverse stagioni di vita.

Occorrerà affrontare il tema della sostenibilità finanziaria di tutto il sistema. Con realismo e lungimiranza si dovranno riprendere le fila delle varie opzioni percorribili e valutarne gli impatti sociali politici ed economici per arrivare alla formulazione di una proposta solida e sostenibile.

Vivere pienamente e attivamente, essere ben curati, non restare a casa soli, a casa sì ma non confinati case diverse e informazioni diversi collocate in territori accoglienti sono gli ambiziosi obiettivi che dovranno essere trattati nella nuova legge e che il PNRR può contribuire a realizzare.

Una particolare attenzione dovremo dedicare al grande tema delle demenze dell’Alzheimer rispetto al quale molte associazioni ci hanno fatto pervenire una petizione contenente proposte molto concrete.

Quale può essere dunque l’articolazione della legge quali gli ambiti fondamentali che dovranno essere affrontati nell’ambito della legge che stante al l’indicazione contenuta nel PNRR dovrebbe trattarsi di una legge delega?

Provo ad indicarli :

1 articolo: il valore della vita anziana, i diritti e i doveri delle persone anziane, i doveri della società per la promozione della loro dignità ed inclusione sociale.

2 articolo : la definizione della condizione di non autosufficienza .Secondo l’OMS, nel documento noto come ICF, la non autosufficienza è definita in termini di “funzionamenti”, termine ombrello che comprende tre domini : le strutture e funzioni corporee della persona; le attività che la persona è in grado di sviluppare; il modo con cui la persona partecipa al contesto in cui vive.

Dunque, anatomia del corpo umano, esecuzione dei compiti della vita quotidiana, capacità di interazione con l’ ambiente in cui la persona vive. Sulla base di questa visione della persona in termini di funzionamenti, la non autosufficienza nomina: le menomazioni, le limitazioni e le restrizioni che una persona vive. L’’approccio proposto è l’approccio biopsicosociale in base al quale la persona non può essere divisa tra parti del corpo e la sua anima ,ma la persona è la sua totalità, il suo insieme di vita.

La presa in carico della non autosufficienza deve fare proprio quel motto : “per un tempo di vita che duri tutta la vita”. Dunque un tempo di vita pieno anche quando esistono le condizioni di menomazioni limitazioni e restrizioni. È importante condividere con nettezza questo approccio e trarne tutte le conseguenze sul piano delle politiche

3 Articolo : definizione dei livelli essenziali di assistenza, cosa intendiamo per livelli essenziali di assistenza. Io credo, come peraltro è diffuso nella letteratura e in molte legislazioni, che il livello essenziale di

assistenza debba essere la creazione dei contesti e delle opportunità che consentano a ciascuna persona di esplicare ” le sue capacità di essere, di esprimersi e di fare”. Indica i diritti universali ed esigibili.

Gli ambiti in cui collocare la nostra proposta , da tradurre in termini di politiche:

1)La vita attiva degli anziani :una risorsa fondamentale per la nostra società ;

2) La prevenzione delle malattie e il contrasto all’ isolamento;

3) Le nuove forme della vita insieme, nuovi modelli per la semi autonomia;

4) Un servizio “amico di famiglia”: l’accessibilità e l’integrazione dei servizi, la complementarietà delle prestazioni della sanità e del welfare italiano;

5) La sfida della nuova domiciliarità, per superare confinamenti e solitudini nuovi modelli ,per le cure domiciliari e nuovi modelli di domiciliarità sostenibile per tutte le persone autosufficienti e per gli anziani non autosufficienti. Non si tratta solo di ampliare gli attuali interventi sanitari o di ampliare gli attuali interventi sociali. Si tratta di mettere al centro la complessità della vita della persona, definire un progetto integrato adeguato al suo bisogno, mettere in rete, fare interagire gli interventi necessari. Sapendo che una delle grandi questioni che vivono le persone non autosufficienti è quella delle relazioni umane , del superamento della solitudine, della vicinanza. Questo deve essere un ingrediente fondamentale della domiciliarità ,un suo requisito cruciale, un suo criterio di valutazione fondamentale;

6) Riqualificare il lavoro di cura degli assistenti familiari e riconoscere la figura del caregiver;

7) La riqualificazione delle RSA;

8) Gli assetti istituzionali e la governance con particolare riferimento al rapporto Stato, Regioni ,Comuni.;

9) La costruzione della prossimità e la valorizzazione delle reti di presa in carico delle persone. Considerate parte integrante della promozione del benessere delle persone ma anche portatrici di competenze che devono essere ascoltate per la definizione delle politiche;

10) Gli strumenti e le modalità per attuare la legge prevedendo anche norme per il monitoraggio e la valutazione degli esiti;

11) Le modalità di finanziamento del sistema.

In questo contesto, in particolare in riferimento ai punti 4 e 5 ,dovrà essere ricompreso tutto il contenuto dei LEPS elaborati da questo gruppo di lavoro e contenuti nel documento consegnato al Ministro nel mese di luglio 2021.

 Livia Turco

Riforma non autosufficienza parta da prossima legge Bilancio

11 Ottobre, 2021 (19:51) | Articoli pubblicati | Da: Redazione

Per costruire la nuova domiciliarità e l’integrazione socio sanitaria bisogna affrontare un nodo cruciale: rafforzare la struttura del sociale per renderla forte e competitiva con le strutture sanitarie. Bisogna potenziare gli Ambiti territoriali Sociali, previsti dalla 328/2000 e dal DL 117 /2017 attribuendo loro un riconoscimento giuridico e dotandoli della strumentazione e delle figure professionali adeguate per il loro funzionamento

Le riforme per essere efficaci hanno bisogno di una elaborazione ampia, approfondita e condivisa e di un avvio concreto.

In materia di non autosufficienza, ampio è stato il dibattito, grazie ai sindacati, alle tante organizzazioni sociali, oggi felicemente riunite nella Rete per la non autosufficienza che ha già svolto un ruolo importante nella elaborazione del PNRR.

Sarà importante poter leggere e dibattere i materiali prodotti dalla Commissione diretta da Don Vincenzo Paglia, istituita dal Ministro Speranza e che ha recentemente consegnato un dossier al Presidente del Consiglio.

Lungo è sul tema il percorso legislativo che non si è mai concluso ma che però ha prodotto uno strumento utile. Si tratta del Fondo per la non autosufficienza con relativo Piano, avviato in modo sperimentale dal governo dell’Ulivo nel 2006 (Art.1 comma 1264 della legge del 27 dicembre 2006,n.296) e divenuto nel corso degli anni un Fondo strutturale presso il Ministero del lavoro e delle Politiche Sociali.

Il gruppo di lavoro sugli interventi sociali e sulle politiche per la non autosufficienza istituito dal Ministro Andrea Orlando si è dedicato proprio a questo tema, in questi mesi con un intenso seppure silenzioso lavoro, in modo autorevole e concreto. Il Gruppo ha considerato decisivo questo frangente della legislatura valutando che deve costituire l’occasione a partire dalla prossima Legge di Bilancio, di “piantare un chiodo” solido per avviare concretamente la riforma prevista dal PNRR.

In concreto, definire i primi LEPS della legge quadro, che devono essere anticipati nella Legge di Bilancio con relativa copertura prevedendo dunque significativo aumento di risorse del Fondo Medesimo .

Quali le priorità che sono alla base dei LEPS e che mi auguro trovino un consenso da parte del MEF e dunque siano scritti e finanziati nella legge di Bilancio?

I problemi che vivono le persone e che devono essere più presenti nel dibattito pubblico.

Superare la solitudine delle famiglie o delle singole persone, essendo molti anziani non autosufficienti persone sole. I dati Istat tratti dall’indagine di salute europeo EHIS 2019 delineano una fotografia preoccupante della domanda di assistenza che, nella classe di età 75 e più, assume una rilevanza preponderante a causa della compromissione delle capacità funzionali, della mancanza di supporto sociale ,del bisogno di sostegno, delle sfavorevoli condizioni abitative.

E’ dunque della massima importanza intercettare la domanda economica e sociale di questo “popolo” di anziani spesso soli, con scarse disponibilità economiche e senza aiuto, traducendola in una offerta di servizi di sostegno prioritariamente presso l’abitazione e sul territorio. Le persone con gravi difficoltà nelle funzioni di base sono più concentrate nelle Regioni del Mezzogiorno (32,1% del quoziente standardizzato) ,rispetto al 25,5% al Centro, ed al 22,9% al Nord. La prima cosa di cui hanno bisogno queste persone e le loro famiglie è un luogo prossimo presso una istituzione (La Casa della Comunità) a cui le persone possono rivolgersi ed in cui figure professionali informate ed accoglienti indichino alla persona ed alla famiglia tutte le opportunità che hanno a disposizione a seconda del loro grado di disabilità e non autosufficienza. Sappiamo che oggi bisogna rincorrere gli sportelli del Comune, delle Asl, dell’Inps, mentre le persone hanno bisogno di vedere semplificati i loro percorsi. Le persone e le famiglie hanno bisogno di un Amico di Famiglia, visibile ed accogliente.

Quello che si Chiama Punto Unico di Accesso.

L’altra grande necessità delle persone e delle famiglie è quella di poter vivere tranquillamente nella propria casa.

Il cuore della riforma deve essere il forte incremento della vita nel proprio domicilio. Per rilanciare correttamente le complesse attività ,concernenti la cura e l’assistenza delle persone fragili, anziane e non autosufficienti, il punto di partenza è rappresentato dalla piena adozione dell’approccio olistico, bio-psico-sociale indicato dalla Organizzazione Mondiale della sanità in occasione del varo del programma di azioni2021-2030 ”ll Decennio per l’invecchiamento sano”.

Che deve significare nuove forme di abitazione, di condivisione delle vita quotidiana, all’interno di una rigenerazione della vita, delle relazioni umane e sociali nella propria comunità . Deve significare la sperimentazione di nuove forme di vita comunitaria. Come indica, seppure con uno stanziamento limitato di risorse, lo stesso PNRR. Deve significare riformare le RSA per renderle più accoglienti. Luoghi di relazione umana, di cura delle persone. Deve significare un cambiamento profondo della concezione della domiciliarità. Che deve garantire un progetto personalizzato integrato per ciascuna persona.

Deve consentire alla persona ed alla sua famiglia di essere presa in carico nel suo bisogno di cure mediche, di sostegno alle funzioni della vita quotidiana, di sostegno alle relazioni umane. Aspetto quest’ultimo poco considerato dalle politiche pubbliche eppure aspetto cruciale della vita delle persone.

Dunque, le politiche pubbliche devono rispondere, con le reti del volontariato e terzo settore, con adeguate figure professionali, al diritto a non essere soli, al diritto a vivere in compagnia. Ciò comporta un deciso rafforzamento di servizi sociali di assistenza domiciliare, da integrare con le prestazioni sociosanitarie, nelle aree del supporto e del sollievo per le persone non autosufficienti e le loro famiglie; dello sviluppo di forme di coabitazione solidale delle persone anziane; dello sviluppo di servizi e soluzioni domotiche e tecnologiche che favoriscono la continuità delle relazioni umane personali e sociali a domicilio.

Va poi prevista la riqualificazione delle figure professionali mediante attività di formazione e di politica attiva del lavoro e la promozione di rapporti di lavoro regolari.

Attualmente l’assistenza domiciliare sociale è garantita dai Comuni (SAD) e gli ultimi dati Istat a disposizione, relativi al 2018, parlano di un servizio molto ridotto, che coinvolge una parte minima della popolazione che ne avrebbe bisogno, con una forte disomogeneità territoriale. Ed una spesa complessiva di 347 milioni . Il PNRR stanzia due miliardi al Ministero della Salute.

E’ utile richiamare i LEA sanitari e sociosanitari di cui al DPCM 12 gennaio 20217 recante “Definizione ed aggiornamento del Livelli Essenziali di Assistenza di cui all’articolo 1, comma 1 del decreto Legislativo 30 dicembre 1992,n,502)”.In esso l’assistenza domiciliare è definita sanitaria, sociosanitaria e sociale. E’ dunque compito ed interesse anche della Sanità, per costruire una nuova domiciliarità, potenziare l’aspetto sociale, colmare l’enorme squilibrio oggi esistente tra assistenza domiciliare sociale e quella sanitaria. Ed è altrettanto essenziale che nella prossima legge di Bilancio ci siano consistenti risorse aggiuntive per la domiciliarità sociale.

Per costruire la nuova domiciliarità e l’integrazione socio sanitaria bisogna affrontare un nodo cruciale: rafforzare la struttura del sociale per renderla forte e competitiva con le strutture sanitarie. Bisogna potenziare gli Ambiti territoriali Sociali, previsti dalla 328/2000 e dal DL 117 /2017 attribuendo loro un riconoscimento giuridico e dotandoli della strumentazione e delle figure professionali adeguate per il loro funzionamento.

Credo che questi punti tradotti in LEPS nella legge di Bilancio, insieme al Piano Sociale ed al Piano contro la Povertà varati nello scorso mese di luglio dalla Rete Sociale del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali costituiscano (costituirebbero) un significativo cambio di passo nell’ambito del Welfare sociale

Livia Turco

Presidente gruppo di lavoro “Interventi sociali e politiche per la non autosufficienza” del Ministero de Lavoro e delle Politiche sociali

Conferenza sulle droghe. Brava ministra Dadone!

17 Aprile, 2021 (20:10) | Dichiarazioni | Da: Redazione

Leggo con piacere che la Ministra alle Politiche Giovanili, Fabiana Dadone, cuneese come me, ha deciso di indire la Conferenza Nazionale sulla lotta alle droghe che non si tiene dal 2009. Pur essendo prevista dalla Legge Jervolino Vassalli. Brava Ministra! È ora di riportare nell’agenda politica e nel dibattito pubblico il tema grande e scomodo della lotta alle droghe.

“Contro le droghe cura la vita ” era lo slogan che aveva animato le politiche degli anni in cui sono stata Ministra della Solidarietà Sociale 1996-2001. Prevenire, prendere in carico, non punire. Attivare le strategie di riduzione del danno. Tenemmo due Conferenze Nazionali, a Napoli il 13-14 marzo 1997 ed a Genova il 28-29-30 novembre 2000.

Commovente la partecipazione ed il contributo degli operatori e delle Comunità!! Approvammo la legge che prevede il Fondo Antidroga per attivare servizi di prevenzione, cura e presa in carico, la legge 45 del 1999. Da Ministra della Salute feci il Decreto per l’ uso terapeutico della cannabis importante per lenire il dolore in alcune patologie come la sclerosi multipla. Poi diventato Legge È grave, come denuncia la Ministra, che tante persone ancora oggi facciano fatica a trovarla nei luoghi legali.

Buon lavoro Ministra Fabiana Dadone!

Livia Turco 

“Il maschilismo si combatte con la formazione”. Intervista di Catiuscia Ceccarelli

28 Gennaio, 2021 (20:36) | Interviste | Da: Redazione

Provocatorio ma efficace il titolo del meeting online promosso dalla Fondazione Nilde Iotti nell’ambito del Centenario dalla nascita della prima Presidente donna della Camera dei Deputati (1920-2020): “Il maschilismo è ovunque!”, con un parterre di relatori autorevole e illuminante e l’introduzione di Livia Turco, presidente della Fondazione e donna politica tra le più stimate in Italia.

Uomini maschilisti e uomini femministi

Dopo i saluti della presidente della Fondazione Iotti, Livia Turco, un contributo letterario ad impreziosire il tema dell’incontro, quello della giornalista Tiziana Ferrario, autrice del libro “Uomini. È ora di giocare senza falli! (Chiarelettere). Un saggio in cui l’autrice racconta con estrema cura di dati e informazioni, frutto di un eccellente lavoro di ricerca, quanto la nostra società sia ancora preda di un maschilismo forte e predominante. Un problema sociale che si può risolvere grazie a uomini di buona volontà e dotati di intelligenza che si definiscono orgogliosamente femministi.

Contro le discriminazioni

A promuovere l’iniziativa anche la Consigliera di Pari Opportunità della Regione Umbria. Come donne e uomini possono camminare insieme per sconfiggere ogni forma di discriminazione, di violenza e di stereotipo di genere, un tema snocciolato insieme alla Consigliera di Parità Monica Paparelli, Livia Turco, Presidente della Fondazione Nilde Iotti, Lorena Pesaresi, Socia Fondazione Nilde Iotti ed esperta di politiche di genere, Marco Pareti, scrittore e redattore, Gianmarco Cesari, avvocato e Presidente Comitato provinciale di Perugia LIDU, Jean Luc Bertoni, editore e Stefano Ciccone dell’Associazione nazionale Maschile Plurale. La conduzione dell’evento è stata affidata a Giuseppe Castellini, Direttore del Nuovo Giornale Nazionale.

La nostra intervista a Livia Turco

A margine della diretta, una nostra intervista alla Presidente della Fondazione Nilde Iotti, Livia Turco:

Presidente Turco, come racconterebbe alle nuove generazioni la figura di Nilde Iotti?

La racconterei come una donna che ha avuto una famiglia semplice, papà ferroviere e mamma casalinga, che l’ha molto incoraggiata. A partire dal suo papà. Era un periodo difficile, quello fascista, ma la giovane Nilde è stata sollecitata a studiare. Una ragazza che ha conosciuto le difficoltà della vita: ha perso il padre all’età di 15 anni ma nella sua testa aveva sempre l’incoraggiamento del padre che le diceva “Nilde, studia Nilde che chi comanda sa”. Perché per far parte delle forze di governo bisogna sapere. In questa famiglia semplice, dove ha conosciuto anche le difficoltà economiche, Nilde non si è persa. Ha vinto una Borsa di Studio, si è impegnata nello studio laureandosi nel ’43 alla Cattolica di Milano. In piena guerra antifascista, seguendo l’esempio del padre, Nilde Iotti ha deciso di dare un contributo a questa lotta scendendo in difesa delle donne. Ha scelto da giovane la politica con il Partito Comunista. Nilde Iotti ha sempre vissuto la politica come sacrificio e impegno per gli altri, però anche grande passione. Membro importante e autorevole dell’Assemblea Costituente, spendendosi per la Costituzione. È stata la prima donna Presidente della Camera dei Deputati. Una donna che ha combattuto a difesa delle donne e che si è impegnata anche a costruire l’Europa.

Il centenario dalla nascita di Nilde Iotti è capitato in un anno orribile, il 2020, e prosegue in questo che non sembra essere meglio di quello passato. Quello di Nilde Iotti è un personaggio simbolo estremamente contemporaneo. Quanto manca secondo lei una personalità politica così forte, indipendentemente dal genere di appartenenza, nella società di oggi?

La politica, specialmente quella italiana, è molto arretrata rispetto ad altri paesi europei e all’America. Nel nostro Paese, il sistema politico e sociale presenta un maschilismo che disincentiva le donne ad affermarsi. La politica è cambiata, è diventata populista dove le poltrone sono importanti a scapito della competenza. L’esempio di Nilde Iotti ci riporta ad una politica popolare e autorevole: popolare perché lei era molto legata alle donne, alla gente e alle loro esigenze, e autorevole per la sua competenza e per la sua idea della politica come “attività per il bene comune”.

Al centro del meeting promosso dalla Fondazione Iotti dal titolo “Il maschilismo è ancora ovunque!” vi è il dibattito sulla parità tra uomo e donna. Questo obiettivo sembra essere ancora molto lontano nel nostro paese. Secondo lei, è possibile superare questo gap di genere divisionale?

Bisogna farlo. Se vogliamo che l’Italia cresca dal punto di vista della modernità, dello sviluppo e della vivibilità non si può mantenere una situazione in cui le donne studiano più degli uomini e trovano meno lavoro. Se fanno dei figli devono licenziarsi e vivere con una disparità salariale? È in gioco il futuro dell’Italia, non riguarda solo le donne. Ovunque resta ancora molto da fare, però l’Italia resta un Paese dove nonostante la lotta delle donne, non è competitivo. E nonostante abbiamo leggi molto avanzate, su tutti i temi. Ma le leggi bisogna applicarle e vanno tradotte in politiche. Ma in Italia manca la volontà di una decisione politica. Manca il concetto di visione politica, essere cioè consapevoli che la mancanza di asili nido, la disparità salariale, le poche donne che lavorano e il fatto che debbano scegliere tra maternità e professione, contraddice lo sviluppo. La legge sugli asili nido, ad esempio, risale agli Anni ’60, ma il problema è che bisogna considerare gli asili nido un investimento per il Paese e non delle incombenze di cui si occupano i Comuni. Il welfare non è fatto solo da trasferimenti monetari: questo non produce benessere. Possono risolvere un problema immediato ma non prendono in carico le esigenze delle persone. Anche su questo, la Legge Quadro sulle Politiche Sociali ce l’abbiamo, ma bisogna applicarla.

La Fondazione Nilde Iotti cosa mette in campo a sostegno della parità di genere? Quali sono le iniziative più importanti?

Noi abbiamo scelto di investire nella formazione. Abbiamo fatto delle pubblicazioni importanti come ad esempio “L’Italia delle donne” e in particolare i due volumi de “Le leggi delle donne che hanno cambiato l’Italia” su cui puntiamo a fare attività formativa. Abbiamo fatto formazione sulle Madri Costituenti, non è possibile non conoscere le radici del nostro Paese. La nostra idea è formare la classe dirigente, ma poi ci sono temi di attualità che spesso affrontiamo. Dal tema delle donne immigrate alla questione tempi di vita e tempi di lavoro. Il Centenario è stata occasione per far conoscere Nilde Iotti a tanti giovani e puntare sulla formazione pensiamo sia un messaggio importante: dare una visione giusta e trasmettere valori. La forza di biografie come quella di Nilde Iotti è molto importante.

Catiuscia Ceccarelli


Articolo e intervista pubblicati su: Donna in Affari

Medici immigrati, il paradosso dell’integrazione negata

28 Dicembre, 2020 (18:25) | Articoli pubblicati | Da: Redazione

Nei giorni scorsi il Direttore Mattia Feltri ha molto opportunamente sollevato la questione dei medici immigrati che vivono da lungo tempo nel nostro Paese hanno pari titolo dei medici italiani,si sono  prodigati nella lotta contro il coronavirus ma non sono considerati parte del sistema sanitario pubblico.Tranne una norma recente che offre questa possibilità alle Regioni per un periodo di tempo determinato.Mattia Feltri citava l’esempio di Macron che ha deciso la cittadinanza onoraria per alcuni medici molto impegnati contro il coronavirus.

Ieri il Dottoror Foad Aodi Presidente dell’Amsi ha rivolto un appello al Presidente Mattarella ed ha ricordato che i professionisti in sanità di origine straniera in Italia sono 77.500.

L’emergenza in cui ci troviamo a vivere svela in realtà un paradosso di questo nostro Paese che va guardato in faccia e va affrontato e superato.E’ il paradosso della integrazione taciuta e nascosta e delle discriminazioni di fatto che il mancato riconoscimento del valore delle politiche di integrazione e di pacifica convivenza producono.

Perché professionisti immigrati  che  hanno  i titoli,  le competenze ,l’esperienza  richieste dal nostro ordinamento sanitario, hanno una lunga permanenza nel nostro Paese non possono partecipare ai concorsi per lavorare nella sanità pubblica se non hanno la cittadinanza Italiana?Perche possono invece lavorare nella sanità privata.?

Il paradosso della integrazione negata consiste nel fatto che nel nostro Paese un immigrato pur con lunga residenza, pur con titoli di studio e comprovata professionalita’puo’ svolgere lavori solo nel settore della industria,del manifatturiero, nell’edilizia,nelle famiglie,nell’agricoltura oppure in settori di insegnamento e sanitario purché privati.

Nella pubblica amministrazione non contano titoli,competenze,lealtà alla Repubblica,lungoresidenza..o si è italiani ,con la cittadinanza italiana, o non è previsto l’accesso..

il caso dei medici tanto più in un momento drammatico come questo fa vedere tutta la incongruenza di tale normativa.

E’ questo il momento di cambiare la norma e di prevedere che i medici di origine straniera con un permesso di soggiorno di lungoresidenza  e con titoli di studio e di tirocinio adeguati possano partecipare  ai concorsi previsti dalla sanità pubblica .Se non ora,quando?

Esso è un punto importante del programma di governo dato il rilievo che ha in questo tempo e dovrà’ avere sempre la salute delle persone e lo stato della nostra sanità pubblica.

Livia Turco (dal blog su Huffington Post)

La legge 328/2000… venti anni dopo

20 Dicembre, 2020 (18:30) | Articoli pubblicati | Da: Redazione

INTRODUZIONE

Ci voleva il Covid-19 per scoprire il valore dei servizi sociali. Ci voleva l’immagine di quegli anziani soli stipati nelle Case di Riposo, ci volevano i racconti delle mamme con la loro fatica a conciliare il lavoro e la cura dei bambini e desiderare spazi e luoghi di gioco e di socialità, ci voleva il racconto della fatica dei genitori di ragazzi disabili gravi per invocare i centri diurni o i servizi di sollievo, la fatica di curare persone non autosufficienti per capire quanto è importante l’assistenza domiciliare con la presenza di professionisti competenti come gli assistenti sociali, gli educatori, le assistenti domiciliari e di reti di solidarietà. Ironia della sorte proprio il dramma della pandemia ci ha sbattuto in faccia  l’attualità di un welfare basato su una rete integrata di servizi sociali, sanitari, educativi, per l’inserimento lavorativo, insomma il welfare di Comunità.

Ci ha fatto toccare nella vita concreta quanto pesi la loro carenza nella vita delle persone e quanto sia attuale la legge che venti anni fa li aveva previsti, la 328/2000.” Per un sistema integrato di Interventi e di Servizi Sociali”.

E’ stato colpevole non aver applicato quella  legge nei suoi punti cruciali: la definizione dei Livelli Essenziale  Sociali, l’incremento del Fondo Sociale Nazionale, l’investimento sulle professioni sociali, la valutazione dei risultati. Abbiamo toccato con mano nel pieno di una inedita e dura pandemia che quei servizi sociali nella vita delle persone sono ORO, ma un ORO che non brilla, considerati dalle scelte politiche che si sono susseguite “figli di un Dio minore” da sostituire con i bonus ed i trasferimenti monetari che hanno dimostrato la loro inefficacia a prendere in carico le persone, ad arrecare sollievo alle famiglie, ad educare i nostri bambini. D’altra parte ,come è possibile costruire una medicina di  comunità, una riorganizzazione delle cure primarie-tema anch’esso sul tappeto da oltre vent’anni e previsto nel Decreto Legislativo 229/98 e dal decreto del 2007 istitutivo delle Case della salute- senza il pilastro delle politiche sociali? Come è possibile realizzare la integrazione socio sanitaria se mancano i servizi sociali e le professioni sociali? L’impatto del Covid-19 è stato così forte e le emergenze sociali cosi profonde che, grazie in particolare alla mobilitazione dell’Ordine degli Assistenti Sociali, si è scritta una norma importante che rimette al centro dell’agenda politica la realizzazione della rete integrata dei servizi sociali .Si tratta dell’articolo 89,comma 2bis, della legge 17 luglio 2020, n.77.

Esso recita “ I servizi previsti all’articolo 22, comma 4, della Legge 8 Novembre2000, n.328, sono considerati servizi pubblici essenziali, anche se svolti in regime di concessione, accreditamento, o mediante convenzione , in quanto volti a garantire il godimento dei diritti della persona costituzionalmente tutelati. Allo scopo di assicurare l’effettivo e continuo godimento di tali diritti, le Regioni, le province autonome di Trento e di Bolzano, nell’ambito della loro competenza e della loro autonomia organizzativa, entro sessanta giorni dalla entrata in vigore della legge di conversione di questo decreto, definiscono le modalità per garantire l’accesso e la continuità dei servizi sociali, socioassistenziali e sociosanitari essenziali di cui al presente comma, anche in situazioni di emergenza, sulla base di progetti personalizzati, tenendo conto delle specifiche ed inderogabili esigenza di tutela delle persone più esposte agli effetti di emergenza e calamità. Le amministrazioni interessate provvedono all’attuazione del presente comma nell’ambito delle risorse umane e strumentali disponibili a legislazione vigente e, comunque, senza maggiori oneri per la finanza pubblica”. Norma importante ma che non prevede risorse aggiuntive nel Fondo Sociale Nazionale già profondamente inadeguato per realizzare la rete dei servizi sociali.

Altrettanto importante è la previsione della sperimentazione delle Case di Comunità  contenuta nello stesso provvedimento legislativo (Legge 17 luglio 2020 n.77) al comma 4 bis dell’articolo 1.

“ Al fine di realizzare gli obiettivi di cui ai commi 3 e 4 , il Ministero della Salute, sulla base di un Atto di Intesa in sede di Conferenza permanente tra lo Stato , le Regioni e le province di Trento e Bolzano, coordina la sperimentazione di strutture di prossimità per la prevenzione e la promozione della salute, nonché la presa in carico e la riabilitazione delle categorie più fragili, ispirate al principio della piena integrazione socio sanitaria, con il coinvolgimento di tutte le istituzioni presenti sul territorio, unitamente al volontariato locale e ad enti del terzo settore no profit. I progetti devono prevedere modalità di intervento che riducano le logiche di istituzionalizzazione, favoriscano la domiciliarità , e consentano la valutazione dei risultati ottenuti, anche attraverso strumenti innovativi quali il budget di salute individuale e di comunità. La sperimentazione di cui al presente articolo si inquadra all’interno dei progetti attuativi del Piano Sanitario Nazionale-Linee guida per l’accesso al cofinanziamento alle Regioni ed alle province autonome di Trento e Bolzano(Gazzetta Ufficiale 10 ottobre 2007 n.236). Per le finalità di cui al seguente comma sono stanziati a valere sull’importo complessivo di cui al comma 11,primo periodo, per un importo complessivo pari a 25 Milioni di Euro. Concorrono secondo le modalità organizzative delle Regioni al rafforzamento dell’assistenza domiciliare di cui ai commi 3 , 4, 4bis, anche i servizi e le prestazioni offerte dalle residenze sanitarie per anziani, dalle fondazioni(Ex IPAB) o dalle Aziende Pubbliche di servizi alle Persone (ASP) o da altri soggetti del Terzo Settore con l’obiettivo di mantenere la persona nei suoi contesti di vita”. Anche in questa occasione non si può non rilevare che una norma innovativa relativa alla salute si avvale di risorse aggiuntive sul Fondo Sanitario Nazionale, e questo è molto positivo, mentre altrettanto non  si verifica per la norma relativa ai servizi sociali.

STORIA DELLA LEGGE

E’ utile tornare a venti anni fa, rifare il punto sulla storia della legge quadro 328/2000, la Legge della dignità sociale, sul percorso di mobilitazione sociale e sul percorso parlamentare che l’ha approvata e poi soffermarsi sulle cause della sua difficile applicazione.

Appena insediato (maggio 1996) il Governo dell’Ulivo si mise all’opera. Il welfare e le politiche sociali era un punto importante del suo programma e molti protagonisti del mondo sociale avevano partecipato ai Laboratori attivati da Romano Prodi per stendere il Programma dell’Ulivo. Fui felice di trovare subito una sintonia con il Presidente del Consiglio sul nome del Ministero: Solidarietà Sociale anziché Affari Sociali. Volevamo trasmettere il messaggio che ci stava a cuore : le politiche sociali non possono ridursi a risolvere le emergenze, le politiche sociali devono essere considerate motore dello sviluppo e della crescita e dell’occupazione, fattore di inclusione sociale e di promozione del benessere delle persone.

A partire dal nome volevamo dire basta con un sociale solo riparativo ma considerare  la promozione della solidarietà come ingrediente dello sviluppo e della cittadinanza. Io portavo con me  una cassetta degli attrezzi maturata nel corso di tanti anni di militanza politica e sociale ed avevo alcune idee che mi stavano a cuore. Bisognava correggere l’anomalia del welfare italiano che si identifica nel sistema previdenziale e nella sanità , bisognava costruire il terzo pilastro del welfare quello delle politiche sociale; bisognava  partire dagli esclusi, vecchi e nuovi, da chi non vota, e dunque dai bambini, dagli immigrati e dalla lotta alla povertà; bisognava costruire politiche a sostegno delle responsabilità familiari a partire dalla scansione dei tempi di lavoro e della cura, della formazione, del tempo per sé.  Ci mettemmo subito all’opera perché sentivamo attorno a noi le aspettative e la disponibilità alla  partecipazione attiva da parte di un mondo sociale che aveva nel corso degli anni costruito sui territori nuove politiche sociali. I comuni, le cooperative sociali, il no-profit, il volontariato, le professioni sociali a partire da quella storica delle assistenti sociali.

Ero consapevole che il mio compito era quello di attingere da questa ricchezza per costruire il nuovo Welfare. Mi definii “Ministra Apparecchia - Tavoli” e su ogni questione aprivo dei Tavoli di confronto e di costruzione delle proposte. Il Ministero della Solidarietà Sociale si concepiva come “Ministero di strada” aperto alla partecipazione di tutti. Iniziammo con i  diritti dell’infanzia. Il Professor Carlo Alfredo Moro, illustre giudice minorile che già collaborava con il mio predecessore, il Prof. Adriano Ossicini, con il contributo dell’appena costituito Istituto degli Innocenti di Firenze dedicato alle politiche dell’infanzia mi aveva consegnato il primo Rapporto sull’infanzia e l’adolescenza in cui era contenuto un dato imprevisto: l’alto tasso di povertà minorile concentrata soprattutto nel Sud. Su sollecitazione dell’associazione Arci Ragazzi e del suo indimenticabile Presidente, Carlo Pagliarini, decidemmo di fare della presentazione del Rapporto una occasione di confronto con tutti gli operatori, le famiglie, la chiesa, il volontariato nel quartiere “ Borgo Nuovo”  di Palermo, nel luglio del 1996  cui partecipò anche  il sindaco Leoluca Orlando.

Fu una giornata indimenticabile che animò  quella che sarebbe stata  la Primavera delle politiche sociali. Tornando a Roma dopo quella giornata piena di proposte, passioni e problemi delle persone, mi dissi e discussi con i miei collaboratori  che bisognava fare qualcosa di concreto e con uno sguardo di lungo periodo. Ne parlai con Prodi, allestii subito i primi Tavoli (Comuni, Regioni, volontariato, cooperative sociali, associazioni disabili, non profit, professioni sociali) da cui nacque la legge 285 ”Disposizioni per la promozione dei diritti dell’infanzia e dell’Adolescenza” del 28 agosto 1997 d’iniziativa governativa e votata all’unanimità dal Palamento. Prendere in carico l’intera personalità del minore ed il suo ambiente di vita.

Questo comporta l’attivazione di politiche integrate nella comunità,  da parte degli enti locali con la partecipazione attiva- fin dal momento della programmazione- dei diversi attori sociali. La legge individuava alcune priorità che costituiscono livelli essenziali di intervento sociale: la lotta alla povertà, il superamento degli istituti educativi assistenziali a favore degli ambienti famigliari, il sostegno alle relazioni famigliari, i servizi socioeducativi e per il tempo libero. Per gli anni 1997-1998 furono stanziati 800miliardi di Lire, nella dura Legge Finanziaria che ci ha portati nell’Euro. La conferma che le risorse sono frutto di scelte politiche. Con il finanziamento cospicuo a quella legge, pur in un contesto di severi risparmi richiesti dall’ingresso nell’Euro, il governo voleva sancire che l’inizio del nuovo welfare partiva dai diritti dell’infanzia .Mi sono soffermata su questo provvedimento legislativo perché esso  ha fatto scuola rispetto alle  modalità di costruzione di una riforma e dei contenuti di un nuovo welfare.

I fatti dicono, dopo vent’anni che essa ha lasciato il segno. “ Ha vent’anni ma non li dimostra” era il titolo del Convegno organizzato a Napoli dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali nel 2017 per fare un bilancio della legge medesima e per rilanciare le politiche per l’infanzia. Nel frattempo alla Camera fin dall’inizio della legislatura furono depositati ben 15 disegni di legge sul tema della riforma dell’assistenza e per una legge quadro sulle politiche sociali. Di essi, 7 da parte di esponenti dell’Ulivo, 2 del Gruppo Misto-Verdi, 2 del partito di Rifondazione Comunista ,2 di Alleanza Nazionale, 1 della Lega e ultimo 1 di Forza Italia .I presentatori erano: On. Massimo Scalia (Gruppo Misto), Elsa Signorino(Sinistra Democratica -Ulivo), Alfonso Pecoraro Scanio(Gruppo Misto), Antonio Saia(Rifondazione Comunista), Giuseppe Lumia(Sinistra Democratica Ulivo), Roberto Calderoli( Lega Nord), Paolo Polenta(Popolari Democratici-Ulivo), Luciano Guerzoni(Sinistra Democratica-Ulivio), Mimmo Lucà  (Sinistra Democratica -Ulivo), Rosa Russo Jervolino(Popolari- Ulivo), Fausto Bertinotti(Rifondazione Comunista), Antonio Lopresti (Alleanza Nazionale), Vincenzo Zaccheo (Alleanza Nazionale), Piero Ruzzante (Sinistra- Democratica Ulivo),Maria Burani Procaccini(Forza Italia).

Presiedeva la Commissione Affari Sociali della Camera l’On. Marida Bolognesi. 15 Disegni di Legge -di cui 11 del centrosinistra- dimostravano che il tema della riforma dell’assistenza, ancora regolata dalla legge Crispi del 1890, era molto sentito ed aveva una sua storia di elaborazione sociale, di partecipazione delle professioni sociali, dei sindacati e del volontariato, della Fondazione Zancan, che avevano anche steso progetti di legge di iniziativa popolare; che esse erano espressioni in particolare delle culture politiche che facevano riferimento all’Ulivo, quella cattolica e la sinistra. Va ricordato che la legge di riforma dell’assistenza ha una lunga storia di impegno parlamentare e di mobilitazione sociale.

I primi disegni di legge organici di riforma furono presentati nel corso della Sesta legislatura (1972-1976). Essi furono: Magnani Noja- Signorile (Psi); Adriana Lodi (PCI); Franco Foschi (DC ),Franca Falcucci( DC ). Tali disegni di legge  furono presentati nel corso delle successive legislature senza pervenire ad un testo unitario condiviso ed approvato. Nel frattempo ,con la costituzione delle Regioni -cinquanta anni fa- furono varate riforme significative seppure di carattere settoriale.

Tornando alla Tredicesima legislatura (1996-2000) i  15 Disegni di Legge di riforma dell’assistenza depositati  furono affidati alla Commissione Affari Sociali della Camera il 10 ottobre 1996 e furono nominati relatori, l’On. Elsa Signorino (Democratici di sinistra Ulivo)per la maggioranza e l’On Alessandro Ce’ (esponente della Lega Nord) per la minoranza. La Commissione avviò subito i lavori con attività di indagine conoscitiva, di confronto con le esperienze europee, tenne un convegno sui temi del Welfare presso il CNEL. L’intento della relatrice e dei partiti dell’Ulivo, condiviso, dal governo era di fare della legge una momento di grande partecipazione, per costruire una legge condivisa dalle forze sociali e che definisse un terreno comune con l’opposizione. L’iter legislativo iniziò  e continuò come legge d’iniziativa parlamentare .Che si rivelò subito complesso per le differenti impostazioni che emersero tra le forze politiche di maggioranza e di opposizione sul tema del welfare. Emerse subito una divaricazione tra il sostegno sociale ampio ad una riforma  che definisse un nuovo approccio alle politiche sociali ed il conflitto politico in Parlamento.

Il 28 maggio 1998 il governo presentò un suo disegno di legge , frutto di molti Tavoli di concertazione, che conteneva un punto di vista riformatore coerente e stanziava delle risorse aggiuntive. Quello delle risorse fu, infatti, uno dei temi più controversi e di conflitto tra le parti ed era anche figlio di impostazioni molto diverse sul tema  del Welfare. La legge del Governo ed i Disegni di Legge dell’Ulivo e del Centrosinistra puntavano a costruire un welfare sociale incentrato sulla promozione del benessere delle persone, sul sostegno alla normalità della vita delle persone a partire dal sostegno ai compiti delle  famiglie, sulla promozione delle capacità delle persone- anche di quelle più fragili- sui percorsi personalizzati, sul welfare locale e comunitario che valorizza tutte le opportunità e le risorse presenti sul territorio;  definisce   a livello nazionale i Livelli Sociali Essenziali, con un Fondo Sociale Nazionale che contiene risorse aggiuntive e che rimodula quelle esistenti e sparse in tanti interventi monetari categoriali.

Introduce il principio e la pratica della Co-progettazione per la programmazione degli Interventi e per la loro realizzazione attraverso i Piani di Zona; valorizza le professioni sociali a partire dall’assistente sociale; promuove il riordino degli emolumenti per l’invalidità attraverso una delega che ha il compito di costruire forme di tutela più eque che prendano in carico in modo adeguato le gravi disabilità ; introduce la sperimentazione del Reddito Minimo di Inserimento in 39 città e prevede interventi per le persone senza fissa dimora; prevede attraverso una delega il riordino delle IPAB, un grande patrimonio di strutture e professionalità impegnate in ambito assistenziale ed educativo. Quelle di tipo assistenziale sono 4200 ed avevano allora 67.000 utenti. La legge porta in dote 3 miliardi di Euro nel Fondo Sociale Nazionale.

Di particolare rilievo è l’impianto relativo alla programmazione della Rete integrata dei servizi ed interventi con una forma inedita di coinvolgimento del volontariato e del no-profit . L’articolo 1 al comma 5  prevede il loro coinvolgimento “nella progettazione e nella realizzazione concertata degli interventi”. Principio che si concretizza nell’articolo 19  “ Piani di Zona” che definisce le modalità del loro coinvolgimento nella programmazione, nella progettazione e dunque nella definizione delle priorità e degli obiettivi. Vengono così valorizzate le competenze che Volontariato ed il Terzo Settore  hanno accumulato nel tempo.  Inoltre l’articolo 5 prevede l’impegno degli Enti Locali,  delle Regioni e dello Stato  a promuovere iniziative per la formazione del volontariato e dei soggetti del terzo settore. Importante il comma 2 del medesimo articolo “Al fine dell’affidamento dei servizi previsti dalla presente legge ,gli enti pubblici, promuovono azioni per favorire la trasparenza e la semplificazione amministrativa nonché il ricorso a forme di aggiudicazione  negoziale che consentano ai soggetti operanti nel Terzo Settore la piena espressione della propria progettualità, avvalendosi di analisi e di verifiche che tengono conto della qualità e delle caratteristiche delle prestazioni offerte e della qualificazione del personale.” Dunque, addio alle gare al massimo ribasso ed al minor costo.

L’impostazione delle forze politiche del Centrodestra puntava sulla creazione di diritti esigibili per le persone fragili, in conformità con l’articolo 38 , era contrario alla rimodulazione degli interventi monetari per le persone disabili perché  temeva una riduzione di diritti, sosteneva la libertà di scelta da parte delle persone e delle famiglie tra servizi ed interventi monetari, puntava alla creazione di un forte regionalismo, valorizzava il ruolo del volontariato e del no-profit come erogatori di servizi che possono sostituirsi all’intervento pubblico.

La differenza di fondo era proprio sul concetto di soggetti fragili . Se è doveroso sostenere in modo prioritario le persone diversamente abili, le persone in  condizioni di non autosufficienza, di povertà, tuttavia, secondo l’elaborazione  contenuta nelle leggi dell’Ulivo, bisogna puntare a costruire un welfare che promuova il benessere sociale ed il benessere di tutte le persone: prende in carico la normalità della vita di tutti. Per prevenire il disagio e per essere di sostegno a momenti di fragilità che nella esistenza odierna possono accadere a tutte le persone nel corso del ciclo di vita. Promuova il benessere sociale. Il che significa che le politiche promuovono il diritto a stare bene , a sviluppare ed a conservare le proprie capacità fisiche, a svolgere una soddisfacente vita di relazione, a riconoscere ed attivare le risorse personali, ad essere membri attivi della società, ad affrontare positivamente le responsabilità quotidiane. D’altra parte la legge non metteva affatto in discussione i diritti soggettivi ed i relativi interventi monetari previsti dalle leggi in vigore per i soggetti fragili, tutelati dall’articolo 38, semmai si proponeva una presa in carico più efficace attraverso la valorizzazione delle capacità di ciascuna persona, il sostegno attivo alle famiglie. Questo può avvenire solo con la rete integrata dei servizi sociali  e con il welfare locale e comunitario che realizza la integrazione tra interventi sociali, sanitari, di formazione e di inserimento lavorativo .Non a caso il Fondo Sociale prevedeva l’avvio dello stanziamento di risorse aggiuntive finalizzate proprio a alla realizzazione della rete integrata dei servizi. Mentre il Parlamento proseguiva la discussione sulla riforma complessiva delle politiche sociali venivano varati dal governo ed approvati in Parlamento altri provvedimenti importanti che animarono quella “primavera delle politiche sociali”.

Misure per le persone diversamente abili con particolare riguardo alle persone con disabilità grave (legge21 maggio 1998,n.162); il Fondo Nazionale di intervento per la lotta alla droga(Legge2756, del 6marzo 1997); L’introduzione in via sperimentale dell’istituto del Reddito Minimo d’Inserimento esteso a 39 città (Decreto Legislativo 18 giugno 1998 n. 237);l’assegno di maternità e l’assegno al terzo figlio (Legge 23 dicembre n.448 art.66 e 65); “La disciplina dell’immigrazione e norme sulla condizione giuridica dello straniero” (Legge n. 40 del 1998);la legge “Disposizioni per sostenere la maternità e la paternità per armonizzare i tempi di lavoro, di cura, e delle famiglie”(Legge53, 8 marzo 2000)che poi confluirà nel Testo Unico sulla Maternità. La riforma della legge sulle Adozioni Internazionali. Altri provvedimenti furono d’iniziativa parlamentare come l’inserimento lavorativo delle persone diversamente abili.

La legge di riforma dell’assistenza arriva in Aula il 5 luglio 1999, dopo un lungo iter in Commissione (iniziato il 10 ottobre 1996).Viena approvata alla Camera il 31  maggio 2000.Trovandoci allo scadere della legislatura il percorso al Senato si presenta molto problematico. Se si percorre il normale iter la legge non ha il tempo per essere approvata nel corso della legislatura. Non approvare una riforma così necessaria, condivisa, costruita attraverso una forte partecipazione sociale, sarebbe stato uno scacco gravissimo , una grave umiliazione per quell’importante lavoro collettivo. Per questo i partiti dell’Ulivo ed i governo  propongono che il percorso al Senato  sia rapido e  venga votato senza correzioni  il testo di legge approvato alla Camera.

La scelta desta forti contrarietà nell’opposizione ed anche all’interno della maggioranza con Rifondazione Comunista che si dichiara contraria al metodo ed anche a punti di merito. Tali forze ricorrono alla pratica dell’ostruzionismo contro quello che definiscono un “ Provvedimento blindato”. Il Presidente del Senato Nicola Mancino svolge un ruolo attivo per dirimere i conflitti e cercare una soluzione che possa superare l’ostruzionismo. Sollecita il Governo e le forze di maggioranza e di opposizione a trovare una intesa. Essa viene individuata nella approvazione di un ordine del giorno proposto dal Centrodestra che contiene i seguenti punti: 1) distinzione tra interventi obbligatori ed interventi facoltativi con il pieno rispetto dei soggetti tutelati dall’articolo 38 della Costituzione attraverso la previsione di diritti esigibili; 2) la valorizzazione della autonomia e responsabilità regionale; 3)escludere le IPAB  dal conteggio delle risorse collocate  nel Fondo Sociale in considerazione che molte di esse hanno carattere educativo.

Viene inoltre proposto un emendamento alla Legge finanziaria 2000 in cui insieme alla dotazione del Fondo Sociale Nazionale di 3 miliardi di euro si stabilisce che “ Le Regioni pur rispettando le priorità e gli obblighi che l’ordinamento loro impone  avranno la possibilità di muoversi nell’ambito delle varie voci di spesa in maniera più flessibile ed agile”. Insomma, mentre si approvava la legge , come condizione per poterla approvare, si vara  l’emendamento sul Fondo Sociale che in parte  contraddice l’impianto della legge medesima che prevede Livelli Sociali Nazionali cui subordinare l’uso delle risorse. Personalmente ero preoccupata della formulazione dell’emendamento sul Fondo Sociale  Nazionale ed in particolare temevo che il trasferimento di risorse in un Fondo Sociale indistinto avrebbe messo a rischio l’applicazione di leggi fondamentali come la 285 sull’infanzia ed altre.

Tuttavia quella mediazione accolta da tutte le forze politiche consentì il giorno 18 ottobre 2000 la discussione del provvedimento in Aula e la sua definitiva approvazione.” Ci accingiamo a varare una legge che possiamo consegnare con molta serena tranquillità ad un dibattito importante per tutta l’Europa. Pochi, troppo pochi hanno richiamato la rilevanza estrema nell’indicare la necessità di promuovere interventi per garantire la qualità della vita, le pari opportunità, la non discriminazione ed i diritti di cittadinanza. Vi è in questa legge il disegno di un nuovo Welfare che prevede il coordinamento del sistema integrato dei servizi con le politiche attive di formazione, avviamento e reinserimento nel lavoro, l’integrazione socio sanitaria. Dai diritti della persona ai diritti di cittadinanza” Sono le parole del Senatore Carlo Smuraglia a nome dell’Ulivo. Un intervento che mi permetto di citare, perché nel clima difficile di quella discussione, sottolinea le novità ed anche lo spessore della legge, consapevolezza  che rischiava di perdersi in un confronto a volte troppo concentrato su punti specifici, categoriali, perdendo di vista il progetto complessivo contenuto nella  riforma che si stava per varare.  175 furono i  votanti, 130 favorevoli , 12 contrari, 33 astenuti.  Promulgata dal Presidente della Repubblica l’8 novembre 2000 , viene pubblicata sulla Gazzetta ufficiale il 13 Novembre 2000.

Restava pochissimo tempo al governo, prima della scadenza elettorale,  per realizzare gli atti applicativi della Legge che sono fondamentali per la sua attivazione ed il suo consolidamento nel nostro ordinamento. Il valore e la sostanza della legge vive nella sua applicazione. Ciò vale per ogni legge, tanto più per un testo di riforma così ampio e complesso come la legge in questione.

Viene definito il Piano Nazionale degli Interventi e dei Servizi Sociali 2001-2003 dell’articolo 18 comma 2 della legge medesima che ha per titolo  “LIBERTA’ RESPONSABILITA’ E SOLIDARIETA’ NELL’ITALIA DELLE AUTONOMIE”.

Viene definito il Regolamento recante “Requisiti minimi strutturali ed organizzativi per l’autorizzazione all’esercizio dei servizi e delle strutture a ciclo residenziale e semiresidenziale a norma dell’articolo 11 della legge 328 /2000.Il Regolamento  a norma dell’articolo 12 comma 2 della legge medesima “Profilo professionale degli assistenti sociali, formazione universitaria ed equiparazione dei titoli di studio”. Il Decreto Legislativo recante “ Riordinamento del sistema delle istituzioni pubbliche di assistenza e beneficenza, a norma dell’articolo 10 della legge 8 novembre 2000 n. 328”.Provvedimento quest’ultimo molto importante che ha consentito di immettere nella rete integrata dei servizi le 4200 IPAB  esistenti in attuazione dell’articolo 22 della legge medesima e di  sviluppare e qualificare la rete dei servizi , in particolare quelli dedicati ai soggetti più fragili.

Il Decreto Legislativo prevedeva anche la possibilità per le IPAB di scegliere tra restare  soggetto di diritto pubblico(Azienda di Sevizi) oppure soggetto non lucrativo (Onlus e Fondazione) oppure soggetto di diritto privato. Erano previste misure fiscali che agevolano la loro attività .Il Decreto Legislativo conteneva un insieme di misure che intendevano preservare le finalità fondative, impedire la disgregazione del patrimonio, garantire la serietà nella gestione, consentire che il rapporto di lavoro del personale che gestisce servizi delicati come quelli che si offrono alle persone  sia disciplinato da contratti collettivi che ne valorizzano e riconoscono le peculiarità.

La scadenza elettorale impedisce l’attuazione dell’atto fondamentale che sono i Livelli Essenziale delle Prestazioni e dei Servizi Sociali (Leps).

Essi erano previsti  non solo dalla legge 328/2000 ma anche dalla la Riforma Costituzionale promossa dal Ministro Bassanini. La  Legge Costituzionale n.3 del 2001, infatti,  definisce le politiche sociali come competenza regionale e all’articolo 117 comma2 lettera M stabilisce  come compito dello Stato la definizione dei Livelli Sociali Essenziali.

La Definizione dei Livelli Essenziali e dunque dei diritti esigibili in modo uniforme su tutto il territorio nazionale avrebbe incardinato in modo strutturale la riforma e costituito a mio avviso un punto di non ritorno. Avrebbe consentito la stabilità della rete dei servizi sociali, superando la logica dei Progetti che produce precarietà sia nelle prestazioni che nel personale, avrebbe costruito gradualmente uniformità delle prestazioni e dei servizi essenziali, avrebbe consentito quella politica di integrazione tra servizi e professionalità per costruire un welfare comunitario capace di offrire prestazioni personalizzate.

Il cambio di maggioranza politica e l’avvento del governo del Centro-Destra comportò un cambiamento radicale di approccio e di cultura al tema del Welfare.

La tesi sostenuta con molta lucidità e determinazione in particolare dagli allora Ministri Roberto Maroni, Giulio Tremonti era quella di un welfare che punta sul lavoro e che per quanto riguarda le politiche sociali deve delegare la competenza alle Regioni, garantire la libertà di scelta tra intervento sociale ed intervento di tipo monetario, promuovere la politica contenuta nella parola d’ordine “ aiuta chi aiuta”  dunque affidare al volontariato la gestione dei servizi sociali esaltando i valori del dono e della gratuità. La rete integrata dei servizi sociali ed i livelli di assistenza nazionali erano considerati superflui, espressione di una concezione statalista e burocratica dell’intervento pubblico e dunque da abbandonare.

Il Reddito Minimo di Inserimento era considerato una misura assistenziale che contraddice la priorità dell’investimento nel lavoro e dunque da cancellare, abbandonando il prosieguo dell’iter previsto dalla sperimentazione attuata nel 1997  con una Commissione tecnica di Valutazione e di monitoraggio della sperimentazione medesima. Una Commissione composta da esperti di alto profilo tecnico presieduta da Chiara Saraceno  che elaborò un Rapporto  molto rigoroso circa le potenzialità e le criticità che l’applicazione della sperimentazione  del Reddito Minimo d’Inserimento aveva evidenziato. Tale Rapporto, secondo l’articolo 23 della legge 328/2000 avrebbe dovuto essere discusso in sede parlamentare per valutare la sua efficacia e predisporre, in modo conseguente, un provvedimento che istituisse, in modo organico e permanente, la misura del  Reddito Minimo d’Inserimento inteso come misura di contrasto della povertà e di sostegno al reddito.

Tutto questo lavoro fu archiviato per una decisone politica di netta contrarietà a tale misura considerata, a prescindere da alcuna valutazione concreta, come assistenzialistica e alimentatrice della trappola della povertà.

Dunque la non applicazione della legge nella sua parte relativa ai Livelli Essenziali Sociali e la cancellazione del Reddito Minimo d’Inserimento fu il frutto di una netta e chiara scelta politica operata dal Centrodestra. Che faceva leva anche su un provvedimento approvato dal Centrosinistra, appunto la Riforma del titolo V con il suo forte impianto Regionalista. Anche se, rammento ancora una volta, l’articolo 117 comma 2 lettera m affida allo Stato il compito di definire i medesimi Leps.

Ho scritto quanto la legge sia stata il frutto di un processo condiviso e di forte partecipazione sociale. Ben trenta stesure come possono rammentare insieme alla sottoscritta, la relatrice On. Elsa Signorino e le persone che con me collaborarono al Ministero (ricordo e ringrazio in modo particolare Renato Finocchi Ghersi, allora responsabile dell’ufficio Legislativo e la Dottoressa Alfonsina Rinaldi che collaborava con il Ministero della Solidarietà Sociale).

Mi sento di sottoporre ai tanti generosi interlocutori e protagonisti/e della legge, a venti anni dalla medesima e riflettendo sulla difficile applicazione, questo punto: se avessimo tutti insieme compreso che è importante che una legge di riforma, tanto più così ampia e complessa come la 328, non solo sia approvata ma abbia il tempo per essere applicata dal governo che l’ha condivisa ed intensamente voluta, oggi ci troveremmo in un contesto diverso. Non basta avere buone leggi, leggi condivise, bisogna che esse abbiano il tempo di essere applicate.

C’è il tempo della elaborazione e della discussione di un provvedimento legislativo ma ci deve essere anche il tempo della sua applicazione e questo tempo deve essere tenuto in conto quando si procede a elaborazione, discussione ed approvazione della legge medesima. Insomma, un po’ meno Tavoli di concertazione ed almeno un anno di tempo al Governo che l’ha voluta per applicarla avrebbe consentito di incardinarla in modo tale da essere difficilmente sostituibile o ignorata. Applicare una legge significa anzitutto farla conoscere ai cittadini, promuovere la sua cultura, i diritti e le opportunità che essa contiene. La Legge 328 -che avrei voluto chiamare non con l’aridità del suo numero ma con il calore della sua sostanza ”legge della dignità sociale”- era il frutto di una ampia comunità del sociale  e conteneva una cultura molto innovativa della assistenza sociale che rompeva con la logica dei trasferimenti monetari e con gli interventi categoriali. Quest’ultima però era molto radicata nel nostro Paese.

Era ed è dunque necessaria una azione capillare per far capire la potenza di cambiamento nella vita delle persone dei servizi sociali, della presa in carico delle persone, del lavoro integrato tra servizi e professionisti, del progetto di vita personalizzato per ogni persona fragile.  Bisognava promuovere una battaglia culturale  facendo vedere le buone pratiche, portare concretamente ad esempio i servizi innovativi per l’infanzia, la presa in carico della disabilità, il valore delle comunità che prendono in carico le persone fragili, la domiciliarità  intesa come relazione umana e sollecitatrice delle competenze di ciascuna persona. Insomma, dovevamo far luccicare l’ORO delle politiche sociali innovative contenuta in una grande rete di esperienze costruite nei territori e nelle comunità. Anche per incidere nella dimensione simbolica e nella domanda di protezione delle persone. Non ci fu il tempo.

Questa azione è stata meritoriamente condotta da chi la legge l’aveva voluta, l’ha applicata e la sta  applicando nelle Regioni e nei Comuni. Credo sia straordinariamente importante la diffusione della pratica della COPROGETTAZIONE; la esperienza dei Piani di zona, i Piani Sociali di città come Roma, Genova, Torino ed altre, la rete di servizi innovativi che comuni e soggetti del no-profit, professioni sociali  sono riusciti a realizzare e che costituiscono oggi una rete diffusa, seppure molto difforme sul territorio nazionale e sostenuta dal lavoro eccellente e resiliente di straordinari operatori, operatrici sociali. Che però non hanno visto superata la logica del lavoro per progetti, scelti con la logica del minor costo e del massimo ribasso, che non garantisce la stabilità  dei servizi, espone i lavoratori che sono soprattutto lavoratrici, professionisti  e professioniste  come le assistenti sociali, le assistenti domiciliari, gli educatori  le educatrici ecc.. alla condizione di precarietà lavorativa. Da questa rete territoriale generosa, resiliente e sempre capace di innovare bisogna oggi partire per un rilancio delle politiche sociali. Per fare brillare l’Oro che esse contengono.

PER UNA NUOVA PRIMAVERA DELLE POLITICHE SOCIALI

Nei venti anni che separano l’approvazione della legge quadro 328 ,la legge della Dignità Sociale, sono avvenuti cambiamenti profondi nella struttura del lavoro , nella scansione dei tempi di lavoro e di vita, nella struttura sociale e nella condizione sociale. Spartiacque molto duro è stata la crisi finanziaria del 2008. Ci troviamo con un assetto del lavoro che ha visto la transizione alla società dei servizi. La terziarizzazione dell’economia, il declinare delle occupazioni manifatturiere e l’ascesa dei nuovi lavori ad alto contenuto di conoscenza sono stati interpretatati in passato come un processo di graduale arricchimento qualitativo del lavoro e delle professionalità su vasta scala.

In realtà accanto al lavoro qualificato dei servizi ad alta produttività e ad alti salari si è allargata l’area dei lavori terziari poveri, a bassa produttività, a bassi salari, precari, accentuando fortemente le diseguaglianze nel lavoro, nel reddito e nelle condizioni di vita. I servizi di welfare ed in generale il lavoro nel sociale sono uno degli ambiti in cui è diffuso il lavoro precario e con bassi salari. Nonostante sia lavoro qualificato, in cui la qualità prima è data dalla relazione umana, che contiene un valore produttivo oltrechè  umano perché  solo attraverso la relazione umana l’intervento sociale è efficace e qualificato. Insieme alle diseguaglianze nel lavoro è aumentata la condizione di vulnerabilità sociale. Contraddistinta da varie forme di fragilità, familiari, lavorative, economiche abitative che destabilizzano i corsi di vita di gruppi di persone sempre più eterogenei.

Vulnerabilità distinta dalla povertà in senso stretto  che riflette un clima di generale insicurezza che taglia trasversalmente la società. La crisi economica del 2008, ha impoverito il ceto medio ed ha prodotto una sorta di “gerarchizzazione” del disagio sociale, nella valutazione delle priorità da parte delle politiche pubbliche. L’impoverimento economico del ceto medio ha messo al centro degli interventi pubblici le varie forme  di sostegno al reddito relegando alla solitudine ed alla responsabilità delle famiglie le diverse forme di fragilità come la salute mentale, la non autosufficienza, la disabilità, le tossicodipendenze. Queste fragilità sono scomparse di fatto dagli interventi pubblici e al massimo son stati loro riservati  bonus ed interventi monetari. Come conferma l’assurda parcellizzazione del Fondo Sociale nazionale  in 14 piccoli fondi di bonus categoriali. Le uniche leggi che hanno segnato  un discostamento da questa logica sono la legge sul” Dopo di noi” per le persone con grave disabilità(Legge22giugno2016,n.112) e la Legge sul Reddito di Inclusione Sociale(Decreto Legislativo n.147 del 15 settembre 2017).

L’impoverimento economico ha nascosto e messo in secondo piano l’impoverimento delle relazioni umane  e delle reti di comunità. Con una conseguente marginalizzazioni di fasi, di cicli importanti della vita come l’infanzia e la vecchiaia. Paradossale in un paese a bassa natalità e con un forte invecchiamento della popolazione. Un aspetto poco indagato è stato il cambiamento della scansione dei tempi di vita e di lavoro con un tempo di lavoro che è diventato “tiranno” sugli altri tempi di vita. Pur di avere un lavoro si è disponibili a svolgerlo a qualunque ora in qualunque fase del giorno  e della settimana. L’uso del tempo è fattore di diseguaglianza sociale: tra chi è costretto a subire la tirannia del tempo di lavoro ed è costretto a subordinare ad esso gli altri tempi di vita e chi può scegliersi il tempo di lavoro e vivere la mescolanza con gli altri tempi della vita.

Con il Covid-19  abbiamo vissuto l’irrompere del lavoro agile che cambia il rapporto tra tempo di lavoro e tempo della cura, il rapporto spazio tempo.  Si impone la necessità di una diversa organizzazione  dei trasporti e degli spazi della città. Torna cruciale la questione della riorganizzazione dei tempi delle città e l’importanza da parte dei Comuni di dotarsi di uno strumento come il Piano Regolatore dei tempi delle città, strumento già previsto nella legge 53/2000  e purtroppo anch’essa poco applicata proprio su questo punto. Nel corso degli anni 2000 in Europa, nonostante le ambizioni del Pilastro Sociale Europeo, sono state introdotte come grande innovazione le politiche di investimento attivo delle persone subordinando il sostegno al reddito con inserimenti attivi nella società. Ma questo è avvenuto  in un contesto di riduzione degli interventi pubblici a sostegno della sanità, della formazione, delle politiche sociali. Che in Italia ha trovato il suo epicentro ripristinando a livello nazionale interventi riparativi ed assistenzialistici attraversi i variegati  interventi monetari. Si sono inoltre formati nel nostro paese  tre welfare: servizi sociali pubblici sempre più disomogenei sul territorio nazionale e sempre più precari , il Welfare aziendale, il Welfare delle Fondazioni Bancarie. Tre Welfare che raramente comunicano tra di loro.

In questo contesto dimostra tutta la sua validità la cultura della legge quadro 328/2000. Per prevenire la vulnerabilità bisogna promuovere politiche che perseguano il benessere delle persone e siano di sostegno alla normalità della vita quotidiana; difronte alle fragilità bisogna attivare percorsi personalizzati e continuativi di presa in carico delle persone, che tirino fuori e valorizzino le capacità delle persone medesime. Difronte alle solitudini e all’impoverimento delle relazioni bisogna attivare le reti comunitarie; difronte all’impoverimento del lavoro oltre alle integrazioni al reddito bisogna attivare programmi locali che integrino tra loro l’inserimento lavorativo, scolastico, sociale; difronte alla precarietà del lavoro sociale bisogna smetterla con la logica dei progetti  al massimo ribasso e definire i livelli sociali  essenziali. Questa cultura e queste politiche sono efficaci se collocate in un contesto di politiche pubbliche che abbiano una visione di società e che promuovano un cambiamento di rotta rispetto alle politiche neoliberiste che hanno prevalso.

C’è bisogno di una visione di società che metta al centro la persona umana come soggetto in relazione con l’altro, che elabori le interconnessioni che ci uniscono gli uni agli altri le une alle altre in solidarietà e comunità. “L’esistenza di ciascuno di noi è legata a quella degli altri: la vita non è tempo che passa, è tempo di incontri” (Tratto dall’Enciclica sulla fraternità e l’amicizia sociale di Papa Francesco, Fratelli Tutti). Bisogna promuovere uno sviluppo economico e sociale che investa sui Beni Comuni, come ambiente, salute, scuola, politiche sociali, lavoro. C’è bisogno di un intervento pubblico che investa su di essi considerando i Beni Comuni le grandi infrastrutture del paese, un forte volano per lo sviluppo e l’occupazione.

Bisogna promuovere il Welfare  delle tre G: Generazioni, Generi, Genti. Un Welfare che investa sulla solidarietà tra generazioni, sul superamento del forte divario di genere e sull’investimento nelle competenze e nella diversità femminile, un welfare che sappia costruire Convivenza tra Italiani e Nuovi Italiani. C’è bisogna di costruire Comunità Competenti che valorizzino la partecipazione attiva delle persone. Di una Democrazia della Cura che consideri il prendersi cura delle persone un ingrediente della cittadinanza. Il prendersi cura delle persone come dimensione pubblica e della cittadinanza  potrebbe essere esemplificato e concretizzato nel Servizio Civile Obbligatorio per i giovani ed in Servizio civile per le persone in età matura.   C’è bisogno di una visione del tempo di vita che rispetti e valorizzi tutte le stagioni della vita consentendo a ciascuna persona , in ogni stagione della vita, di vivere la mescolanza tra il tempo di lavoro, il tempo della cura, il tempo per sé, il tempo sociale. C’è bisogno di promuovere la salute come bene comune e non solo diritto individuale promosso da una comunità in salute. In questo contesto diventa ineludibile costruire il pilastro delle politiche sociali come  ingrediente di sviluppo e di occupazione.

Bisogna mettere in moto la cultura della 328/000 la cui efficacia è dimostrata dalle tante buone pratiche costruite a livello territoriale. Facendo tesoro di cosa ci insegano queste buone pratiche.

Esse hanno anzitutto bisogno di costruire Rete di diventare stabili e dunque che si realizzino i Livelli Sociali Essenziali. Intesi come strumenti, opportunità, relazioni per “garantire una dignitosa esperienza di vita a tutte le persone.” Secondo la definizione della Organizzazione Mondale della Sanità.

“Promuovere le capacità di esprimersi e di agire delle persone entro un sistema esigibile di diritti “come è stato elaborato nel corso degli anni ispirandosi al welfare delle capacità di Amartja Sen. La definizione dei Livelli Essenziali Sociali deve collocarsi  all’interno della promozione della salute come bene comune e dunque della salute di Comunità e delle Case delle Salute/Casa di Comunità. Per rendere effettiva la integrazione socio sanitaria. Bisogna che questo percorso parta subito e  concretamente attraverso l’attivazione da parte della Presidenza del Consiglio di un Tavolo Interministeriale che coinvolga Regioni, Comuni, Soggetti del No profit. Bisogna elaborare un nuovo Piano Sociale   che legga i  bisogni sociali e stabilisca le priorità a partire  dai territori, dalle comunità con un coinvolgimento attivo dei Comuni, Regioni, Terzo Settore e  professioni sociali.

Un utile materiale di riferimento è costituito  dalle  urgenze  segnalate e le indicazioni elaborate   recentemente dall’Ordine degli Assistenti Sociali.

UNA AGENDA PER LE RIFORME

A)Riformare il Reddito di Cittadinanza per promuovere una reale presa in carico delle persone in condizioni di povertà.

B)Garantire il Servizio Sociale Professionale ed il  Segretariato sociale  in modo uniforme prevedendo un assistente sociale ogni tremila abitanti che lavorino sia nelle strutture sociali che in quelle sanitarie per integrarle tra loro e realizzare solide reti di sostegno ai bisogni complessi della popolazione.

C)Potenziare l’Assistenza Domiciliare Integrata come è già avvenuto in recenti provvedimenti del Governo ma anche l’Assistenza Socio Assistenziale ,quella di competenza dei Comuni e finanziata dal Fondo Sociale Nazionale  che registra un costante calo di copertura della popolazione. L’assistenza domiciliare sociale non deve riguardare solo le prestazioni connesse alle funzioni vitali ma prendere in carico il bisogno di relazionalità rivolti sia alle persone anziane , ai minori in difficoltà, alle famiglie, alle persone disabili.

L’assistenza domiciliare così intesa può costituire  un primo avvio del diritto della persona a vivere nel proprio domicilio.

Definire un livello essenziale può, in questo contesto una prima rete di prevenzione ed una forma di sicurezza per molti nuclei famigliari.

D)Definire un Piano Nazionale per le persone non autosufficienti.

E)Definire i progetti personalizzati per le persone diversamente abili a partire dalla disabilità grave.

F) Promuovere la presa in carico delle persone con problemi di salute mentale e le persone in situazioni di dipendenza, costrette a vivere in condizioni problematiche per l’abbandono della loro condizione da parte delle politiche pubbliche.

G)Promuovere Il sostegno della personalità del minore ed il sostegno alle fondamentali responsabilità familiari.

Rilanciare la cultura della legge 328/2000 comporta alcune innovazioni che sintetizzo in queste parole chiavi.

Il Pubblico deve investire risorse nelle politiche sociali ed attivare interventi per la qualificazione dei lavori sociali e delle professioni sociali.

Il Pubblico deve essere il Sollecitatore di Responsabilità verso la promozione della inclusione sociale e del benessere sociale chiamando in causa tutti gli attori economici e sociali perché promuovano attivamente l’inclusione sociale al di là dell’ottica della responsabilità sociale dell’impresa. Il Pubblico deve essere soggetto della Programmazione e della Co-progettazione che coinvolge i soggetti pubblici, il Terzo settore ed anche i soggetti privati. Deve favorire il coordinamento ed il lavoro comune  condividendo obiettivi di benessere tra sevizi sociali, gestiti dal pubblico o dal volontariato e cooperazione sociale, servizi sanitari pubblici, le fondazioni bancarie, il welfare aziendale. Anche attraverso la sottoscrizione di Protocolli  d’intesa tra Enti Locali, Terzo settore, imprese, sindacati.

L’intervento Sociale è il Parametro Sociale che orienta ed attraversa tutte le politiche; Il Sociale e la Salute devono attraversare  tutte le politiche. La cura deve essere cura delle persone ma anche cura dei luoghi in cui le persone vivono. Cura degli ambienti di vita ed lavoro. Bisogna promuovere un Sociale d’Iniziativa insieme ad una Salute d’Iniziativa che vadano  incontro alle persone più fragili e più vulnerabili, le quali da sole non si avvicinerebbero ai servizi sociale e sanitari.

Lo strumento può essere quello del Patto Territoriale per il Benessere Sociale che, sotto la regia del sindaco, di tutti gli assessori, coinvolge tutti gli attori sociali ma anche economici presenti sul territorio per costruire un progetto condiviso che definisca in modo integrato le priorità e gli interventi del progetto per l’Inclusione sociale e per il Benessere delle persone.

Innovando rispetto alla concezione ed alla pratica dei Piani di Zona non solo per come si sono realizzati ma per come sono stati ideati dalla legge 328/2000. Progetti che devono essere condivisi e partecipati dalla Comunità Competente. Bisogna riscoprire il concetto di “Capacita’ ” di Amrtja Sen che nel suo libro “Lo sviluppo è Libertà” parla di capacità delle persone come “libertà sostanziali o capacità di scegliersi una vita cui si dia valore; la capacità delle persone di fare cose e la libertà di vivere vite”. La povertà in cui cade una persona è la privazione delle sue capacitazioni di base. La lotta alla povertà si configura non solo come lotta  per migliorare il reddito di una persona ma anche per migliorare la sua qualità della vita. Ed elevare il livello della sua libertà. Il Concetto delle “Capacità” e “Capacitazioni”  deve orientare un welfare comunitario, attivo, in cui le politiche sociali tirino fuori le competenza di ciascuna persona mettendo in campo un percorso personalizzato che unisca la formazione, la promozione della salute, l’inserimento lavorativo, le reti di solidarietà attiva.  Il welfare attivo, che promuove e valorizza le capacità di ciascuna persona  deve promuovere una Comunità Competente attraverso la pratica della Democrazia Deliberativa.

La promozione della inclusione sociale e del benessere delle persone deve avvalersi della partecipazione attiva dei cittadini, che devono essere ascoltati, coinvolti nelle scelte, sollecitati ad assumersi delle responsabilità verso i propri stili di vita e nella costruzione di reti comunitarie. Dalla Cittadinanza Attiva alle  Competenze Attive per promuovere il Benessere sociale. Il cittadino competente che condivide le politiche, le co-progetta e ne partecipa alla realizzazione.

A partire dai soggetti più fragili Bisogna dunque prevedere delle AGORA’ in cui le persone discutono e partecipano alla deliberazione. Bisogna costruire un forte legame tra Welfare attivo, delle capacità , del benessere sociale e la qualità della partecipazione democratica. Un Welfare attivo e del benessere sociale richiede un Democrazia della cura  ed una Democrazia deliberativa. Far diventare i cittadini protagonisti del benessere della propria comunità e della propria vita. Coinvolgere nella dimensione pubblica le persone che fanno fatica, che hanno meno cultura e formazione, che vivono fragilità e diverse abilità è fondamentale per promuovere la loro inclusione ed il loro benessere. Prendersi cura delle persone è costruire una democrazia della cura   che  coinvolga il popolo nella sua lotta quotidiana per la dignità e la costruzione del suo destino. Dunque bisogna inventare strumenti e luoghi di partecipazione nei territori e nelle comunità. Questa è una innovazione grande ed importante che dobbiamo costruire. Torno alla Enciclica “Fratelli Tutti”: “ Occorre pensare alla partecipazione sociale, politica ed economica in modalità tali che includano i movimenti popolari ed animino le strutture di governo locali, nazionale ed internazionali con quel torrente di energia morale che nasce dal coinvolgimento degli esclusi nella costruzione del destino comune. Al tempo stesso è bene far si che questi movimenti, che queste esperienze di solidarietà che crescono dal basso, dal sottosuolo del pianeta, confluiscano, siano più coordinati, s’incontrino. Questo, però, senza tradire il loro stile caratteristico perché essi sono seminatori di cambiamento, promotori di un processo, in cui convergono milioni di piccole e grandi azioni, concatenate in modo creativo, come in una poesia. In questo senso sono “poeti sociali” che a modo loro lavorano, propongono e promuovono e liberano.  Bisogna superare quella idea delle  politiche sociali come una politica verso i poveri, ma mai con i poveri, mai dei poveri e tanto meno inserita in un progetto che riunisca i popoli.” Una riflessione che considero preziosa, espressa con parole che lasciano il segno e che possono illuminare la politica e tutti/e noi.

Livia Turco (articolo pubblicato sulla Rivista Politiche Sociali, dicembre 2020)