Il Blog di Livia Turco

www.liviaturco.it



Casellati promuova dialogo tra partiti

25 Marzo, 2018 (19:01) | Dichiarazioni | Da: Redazione

“Auguri sinceri alla nuova Presidente del Senato che ha voluto nel suo discorso ricordare la prima volta di una donna in quel ruolo riconoscendo i meriti e le battaglie delle donne italiane”. Lo dichiara Livia Turco, presidente della Fondazione Nilde Iotti.

“Proprio ricordando l’insegnamento delle nostre Madri Costituenti mi aspetto dal suo operato - aggiunge l’ex ministro - lo sforzo di promuove il dialogo tra tutte le forze politiche e di raccogliere la domanda di forte cambiamento che viene dalla società italiana e di ricostruire un legame tra istituzioni e vita quotidiana delle persone”. (ANSA).

Livia Turco, Donna A Favore Delle Donne

11 Marzo, 2018 (09:57) | Interviste | Da: Redazione

Festa delle donne: Livia Turco, in questa intervista, ci parla di “donne costituenti”, di memoria al femminile, di Costituzione, di come combattere la violenza, costruendo nuove relazioni tra i sessi.

Leggi l’intervista su Green Planet 

Livia Turco Cavaliere di Gran Croce

27 Febbraio, 2018 (19:47) | Dichiarazioni | Da: Redazione

Sono emozionata, felice e onorata di aver ricevuto questa mattina nella Sala degli Arazzi di Palazzo Chigi l’onorificenza  Cavaliere di Gran Croce.

La mia profonda gratitudine per questa onorificenza va al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, al Presidente del Consiglio dei Ministri Paolo Gentiloni e alla  Sottosegretaria alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Maria Elena Boschi.

Un riconoscimento che mi incentiva nel mio impegno sociale.

Livia Turco 

Livia Turco a Teggiano con gli studenti

25 Febbraio, 2018 (10:36) | Articoli pubblicati | Da: Redazione

Dei concetti di dignità e cambiamento ha riecheggiato ieri pomeriggio l’Aula Magna dell’Istituto di Istruzione Superiore “Pomponio Leto” di Teggiano che, in occasione della Settimana della Filosofia, ha ospitato Livia Turco, presidente della Fondazione Nilde Iotti e ministro della Repubblica per due volte negli anni scorsi. La politica piemontese, che iniziò il suo percorso tra le fila del Partito Comunista, ha tenuto una lectio magistralis su una tematica forte e particolarmente sentita, quella della violenza sulle donne. Proprio lei che per anni si è battuta per i diritti delle donne, per il riconoscimento del valore insito nella differenza di genere e per il rispetto di vari aspetti del mondo femminile, tra cui la maternità. Presenti, tra gli altri, i docenti del Dipartimento di Filosofia dell’Istituto, il Maresciallo Francesco Pennisi, Comandante della locale Stazione dei Carabinieri, e il Maresciallo Rocco Santomartino. 

L’incontro si è aperto con una parentesi musicale affidata alla giovane violinista Erika Pinto che, accompagnata da Giuseppe Romano all’arpa, ha fatto ascoltare alla speciale ospite e ai numerosi presenti una versione rivisitata del brano “Donne” di Zucchero Fornaciari, seguito da “Halleluja” di Leonard Cohen. Ad introdurre il prestigioso ospite il Dirigente Scolastico Rocco Colombo che ha definito l’ex ministro della Salute e per la Solidarietà sociale “una sorella nobile della nostra democrazia“.

“La mia esperienza politica è stata di grande passione e di costruzione del rapporto con le donne – ha esordito Livia Turco – Il tema della violenza sulle donne è molto duro perché tocca il caposaldo della dignità personale, mette in gioco la differenza sessuale e di genere tra uomini e donne. Per le donne è importante riuscire a valorizzare la differenza di cui si è portatrici, cimentandosi con una differenza di pensiero. Il punto di fondo è che nella storia questa differenza sessuale è stata costruita attraverso una differenza di genere in cui quello maschile ha una concezione proprietaria della donna e del corpo femminile“.

Un intervento appassionato e particolarmente incisivo quello della Turco, che ha spaziato dalla Costituzione e le 21 Madri Costituenti al Diritto di famiglia del 1975, passando per la conquista del diritto al voto attraverso battaglie dal sapore di dignità e di desiderio di trasformare i tempi fino ai giorni nostri, in cui la violenza e il sopruso troppo spesso diventano sgradevoli protagonisti di drammatiche vicende personali. “Per vincere la battaglia della violenza bisogna costruire una nuova amicizia, – ha sottolineato Livia Turco – gli uomini costruiscano una nuova identità. Uomini e donne, insieme, devono dar vita a relazioni incentrate sul rispetto, bisogna scrivere una nuova grammatica dei sentimenti“.

Chiara Di Miele

Leggi anche l’articolo su Noi Donne 

Un figlio mai nato. Una questione aperta

19 Febbraio, 2018 (14:47) | Articoli pubblicati | Da: Redazione

Le ‘madri costituenti’. Se ne è parlato a Udine

19 Febbraio, 2018 (14:42) | Blogroll | Da: Redazione

Sono stati 250 gli studenti delle scuole superiori di Udine che hanno partecipato al Palamostre alla conferenza promossa dall’Anpi su ‘Donne e Costituzione. Il ruolo delle donne nell’assemblea Costituente’. A spiegare loro l’importante ruolo delle 21 donne elette per la prima volta in Parlamento e che hanno contribuito a scrivere la Costituzione italiana è stata Livia TurcoPresidente della Fondazione Nilde Iotti. “Il dibattito è stato serrato ed appassionato” dice l’ex ministro , “i ragazzi si sono mostrati partecipi e interessati. Le domande che mi sono state rivolte tutte pertinenti ed interessanti”.

“Gli studenti hanno voluto sapere che donna era Nilde Iotti - racconta Livia Turco - Mi hanno chiesto di Tina Anselmi, del partito Comunista Italiano, della svolta di Occhetto, per poi passare a parlare dei privilegi della casta, di come fare a difendere la Costituzione, come combattere la violenza contro le donne ma anche come realizzare la parità salariale tra donne e uomini”. L’incontro si è concluso con il concerto del rapper friulano Tubet. “E’ stata un’ esperienza di formazione importante - aggiunge Livia Turco - che ha coinvolto i giovani ma anche gli insegnanti con uno scambio di conoscenza, esperienza di vita e passione politica”. L’ex ministro della Solidarietà sociale proseguirà gli incontri con gli studenti per parlare della ‘madri costituenti’ a Teggiano in provincia di Salerno ed al liceo Mamiani di Roma. (ANSA).